La Meditazione Satipatthana sulle parti del corpo è una delle tecniche di meditazione più antiche e profonde insegnate dal Buddha. Si tratta di una pratica che ci permette di sviluppare la consapevolezza del nostro corpo e di liberarci dall’attaccamento e dall’identificazione con esso. In questo modo, possiamo coltivare una visione più chiara e realistica della natura impermanente, insoddisfacente e non-sé di tutti i fenomeni, proprio a partire da quello che sembra essere la nostra cosa più “nostra”: il corpo.

L’obiettivo di questa meditazione non è quello di analizzare il corpo in modo scientifico o medico, ma di osservarlo con una mente aperta e non giudicante, senza lasciarsi influenzare dalle nostre preferenze, avversioni o illusioni. In questo modo, possiamo riconoscere che il corpo è composto da elementi materiali che non sono né belli né brutti, né piacevoli né spiacevoli, né nostri né altrui, ma semplicemente esistenti in dipendenza da cause e condizioni.

I vantaggi di questa meditazione

La Meditazione Satipatthana sulle parti del corpo ci aiuta a sviluppare una serie di benefici, tra cui:

  • Una maggiore consapevolezza del corpo e delle sue sensazioni
  • Una riduzione dello stress e dell’ansia
  • Una maggiore capacità di concentrazione
  • Una maggiore consapevolezza della connessione/unicità mente-corpo
  • Una riduzione della tendenza a giudicare il nostro corpo e le nostre emozioni
  • Una maggiore comprensione della sofferenza e della sua origine
  • Una maggiore compassione verso noi stessi e gli altri
  • Una maggiore saggezza e liberazione dalla sofferenza

Meditazione Satipatthana sulle parti del corpo

In questo corpo ci sono

  1. capelli
  2. peli
  3. unghie
  4. denti
  5. pelle
  6. carne
  7. tendini
  8. ossa
  9. midollo osseo
  10. reni
  11. cuore
  12. fegato
  13. diaframma
  14. milza
  15. polmoni
  16. intestino
  17. mesentere (il collegamento dell’intestino all’addome)
  18. cibo non digerito
  19. feci
  20. bile
  21. catarro
  22. pus
  23. sangue
  24. sudore
  25. grasso
  26. lacrime
  27. unto
  28. saliva
  29. moccio
  30. liquido delle articolazioni
  31. urina

È come se ci fosse un sacco con aperture su entrambe le estremità, pieno di vari tipi di cereali, come riso pregiato, grano, fagioli, piselli, sesamo e riso comune. E qualcuno con ottima vista dovesse aprirlo ed esaminarne il contenuto: “Questi chicchi sono di riso fino, questo è grano, questi sono fagioli, questi sono piselli, questi sono semi di sesamo e questi chicchi sono di riso normale”.

Mahāsatipaṭṭhānasutta, MN 10

Si aggiunge tradizionalmente come trentaduesima parte del corpo il cervello.

REFERENZE

Meditazione Satipatthana sulle parti del corpo registrata nel gruppo di meditazione dell’Associazione Kalyanamitta da  Sirimedho Stefano De Luca  il 27 gennaio 2024.

Si può leggere il sutta completo in traduzione italiana sul sito di CanonePali.net.

Dopo la meditazione sono state presentate le Quattro Nobili Verità e l’Ottuplice sentiero.

Foto di copertina di Kot64.