Iniziamo queste riflessioni su gentilezza e paura con la lettura del Karanyia Mettā Sutta, l’insegnamento del Buddha sulla gentilezza amorevole.

Uno degli effetti della pratica della meditazione di gentilezza amorevole, mettā, è che nel momento in cui siamo pieni di quella splendida qualità non vi è spazio per la paura. ed è questo che abbiamo approfondito nelle riflessioni registrate.

Qui è possibile leggere ed ascoltare la lettura del Karanyia Metta Sutta, con una musica di sfondo:

Il Buddha ci invita a praticare continuamente la gentilezza amorevole, in tutte le posture e i momenti.

Fermi o camminando,
seduti o distesi,
esenti da torpore,
sostenendo la pratica di mettā;
questa è la sublime dimora.

La pratica della gentilezza amorevole, o mettā, non è quindi soltanto per i momenti di meditazione formale, ma può diventare parte integrante della nostra vita.

Come tale, si presenta come una guida preziosa nella gestione della paura. Intraprendere il cammino della gentilezza amorosa significa coltivare un atteggiamento compassionevole non solo verso gli altri, ma anche verso se stessi. Quando affrontiamo la paura con mettā, ci avviciniamo a quel sentimento con un cuore aperto, accogliente e compassionevole. Questa pratica ci insegna a guardare la paura non come un nemico da sconfiggere, ma come un aspetto naturale dell’esperienza umana da esplorare con cura e comprensione.

La gentilezza amorevole diventa così un rifugio sicuro in cui possiamo trovare conforto durante momenti di paura e ansia. Nell’atto di inviare pensieri di amore e benevolenza a noi stessi e agli altri, creiamo uno spazio interiore in cui la paura può sciogliersi. La consapevolezza amorevole ci invita a trattare la paura con gentilezza e a riconoscere la connessione universale che condividiamo con tutti gli esseri. In questo modo, la gestione della paura diventa un processo di trasformazione interiore, in cui la gentilezza amorevole funge da guida per navigare attraverso le tempeste emotive con compassione e saggezza.

Buon ascolto!

REFERENZE

Riflessioni su gentilezza e paura di Sirimedho Stefano De Luca registrate nel gruppo di meditazione dell’Associazione Kalyanamitta l’8 dicembre 2023.

Prima del commento c’è stata una meditazione sulla paura partendo dalla meditazione di mettā:

Immagine di copertina su Freepik.