Il Buddha e le riflessioni sui fardelli

Riflessioni sui fardelli

Riflessioni sui fardelli a partire dall'omonimo insegnamento del Buddha: cos'è il fardello, chi lo porta e come lo si può buttare via, liberi

Queste riflessioni sui fardelli partono dall’omonimo sutta del Buddha, “SN 22.22: Bhara Sutta – Il fardello”, che abbiamo letto e commentato nelle riflessioni.

Il tema è quello degli attaccamenti agli aggregati, su quali sia il fardello, chi ne sia il portatore e come liberarsi da esso, vivendo sempre più liberi.

SN 22.22: Bhara Sutta – Il fardello

A Savatthi. “Monaci, vi parlerò del fardello, del portatore del fardello, del portare addosso il fardello, del buttarlo via il fardello. Ascoltate e prestate attenzione. Vado a parlare.”
“Come vuole, signore”, i monaci risposero.
Il Benedetto disse: “E qual è il fardello? I cinque aggregati dell’attaccamento. Quali cinque? La forma, le sensazioni, la percezione, le formazioni karmiche, la coscienza. Ciò, monaci, è chiamato il fardello.
E chi è il portatore del fardello? La persona. Costui con tale nome, con tale casta. Ciò è chiamato il portatore del fardello.

E cos’è il portare addosso il fardello? La brama che produce le rinascite – accompagnata da passione e delizia, dando piacere nella vita presente e poi in quella futura – la brama per il piacere sensuale, la brama per il divenire, la brama per il non-divenire. Così è il portare addosso il fardello.

E come si butta via il fardello? Con il distacco, la rinuncia , ottenendo la liberazione da tutto ciò che è prodotto dalla brama. Ciò è chiamato il gettare via il fardello.”
Così disse il Benedetto. Poi aggiunse:

Il fardello
sono i cinque aggregati,
ed il portatore del fardello
è la persona.
Portando il fardello nel mondo
si soffre.
Gettando via il fardello
si ottiene beatitudine.
Avendo gettato via il pesante fardello
e non prendendone un altro,
sradicando la brama,
insieme alla sua radice,
si è liberi dal bramare,
totalmente liberi.

Referenze

Riflessioni sui fardelli di Sirimedho Stefano De Luca  registrate nel gruppo di meditazione dell’Associazione Kalyanamitta il giorno 28 ottobre 2022.

SN 22.22: Bhara Sutta – Il fardello, Traduzione in Inglese dalla versione Pâli di Thanissaro Bhikkhu. Tradotto in italiano da Enzo Alfano. Dal sito canonepali.net

Subito prima vi è stata una meditazione sullo stesso tema:

Foto di copertina di Paul Millage.

Ti potrebbe interessare…

Logo Kalyanamitta

Iscriviti alla nostra newsletter

La newsletter ti farà arrivare informazioni sulle ultime notizie, gli incontri e gli eventi di Kalyanamtta. 

 

Complimenti! Ora sei iscritto/a!