La pazienza, o “khanti” in lingua pali, è una virtù fondamentale nella pratica del Buddhadharma. Questa parola unica abbraccia concetti come la pazienza, la paziente sopportazione e il perdono. Queste Riflessioni sulla Pratica della Pazienza esplorano l’importanza e l’applicazione di questa virtù nella nostra vita quotidiana e nella pratica spirituale.

La pazienza, khanti, è una delle dieci parami, ovvero delle dieci perfezioni:

  1. Dāna – generosità
  2. Sīla – moralità
  3. Nekkhamma – rinuncia
  4. Paññā – saggezza
  5. Viriya – energia
  6. Khanti – pazienza
  7. Sacca – veridicità
  8. Adhittāna – determinazione
  9. Mettā – benevolenza o gentilezza amorevole
  10. Upekkhā – equanimità

La pazienza è la capacità di non arrabbiarsi quando si viene feriti, criticati o colpiti. È la capacità di accettare i propri limiti e incomprensioni. Questa forma di ammorbidimento della mente è necessaria per poter percorrere il sentiero verso la calma interiore e la liberazione.

Le parole del Buddha sulla pratica della pazienza

Il Buddha stesso ha parlato della pratica della pazienza nella strofa 184 del Dhammapada:

184
Un rinunciante
non tiranneggia nessuno.
La paziente tolleranza
è il vertice dell’ascesi.
Suprema meta
dicono i Buddha
è la profonda liberazione.

Dhammapada Per La Contemplazione, Ajahn Munindo

Questi versi ci ricordano che la pazienza non è solo una virtù passiva, ma un’azione attivo di tolleranza e comprensione. Non si tratta solo di sopportare le difficoltà, ma di accoglierle con un cuore aperto e una mente chiara.

La pratica della pazienza ci permette di affrontare le sfide della vita con equanimità e comprensione. Ci permette di vedere oltre le nostre reazioni immediate di rabbia o frustrazione, e di rispondere alle difficoltà con gentilezza e compassione.

In queste riflessioni sulla pratica della pazienza c’è l’invito a coltivare la pazienza in ogni aspetto della nostra vita, a vedere la pazienza non come un peso, ma come un dono. Un dono che ci permette di vivere con maggiore serenità e comprensione, e che ci avvicina alla profonda liberazione di cui parla il Buddha.

Buon ascolto!

REFERENZE

Riflessioni sulla pratica della pazienza di Sirimedho Stefano De Luca registrate nel gruppo di meditazione dell’Associazione Kalyanamitta il 28 giugno 2024.

Si può scaricare gratuitamente in formato digitale il Dhammapada dal sito del Monastero Buddhista Santacittarama.

Ajahn Mahapañño ha offerto degli esercizi sulle dieci perfezioni, che si possono trovare sul sito di Saddha.it, gli amici del Monastero Buddhista Santacittarama.

Un libro eccezionale sulle dieci perfezioni è quello di Ajahn Sucitto, “Le Perfezioni. Modi di attraversare i flutti della vita” che si può scaricare gratuitamente dal sito del Monastero Buddhista Santacittarama.

Prima c’è stata una meditazione sulla pratica della pazienza.

Foto di copertina di saiko3p. Tempio di Gangaramaya a Colombo, Sri Lanka